Altre buone notizie per l'ambiente

Il nuovo logo Ecozema: erede di una storia di sostenibilità che evolve

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”: così Antoine-Laurent de Lavoisier ha sintetizzato i processi che avvengono in natura.

Ci siamo ispirati alle trasformazioni così come avvengono in natura e abbiamo deciso di trasformare la nostra immagine a partire da quello che facciamo e da come lo facciamo. (altro…)

condividi
10/10/2017

Cinema e sostenibilità al Festival Alto Vicentino 2021 con la partnership di Ecozema

Giunto alla sua 15^ edizione, torna il Festival Alto Vicentino: la rassegna internazionale del cinema corto.

La cornice sarà, anche per questa edizione, la bellissima Villa Rossi a Santorso (VI) e il suo mirabile parco romantico.

L’evento, ad ingresso gratuito, prevede un interessante programma suddiviso in due giornate: venerdì 16 luglio ci sarà la proiezione dei cortometraggi selezionati nelle location allestite presso Villa Rossi e il suo parco; mentre sabato 17 luglio si procederà con la premiazione dei vincitori e dei film segnalati.

Anche quest’anno la manifestazione, che si svolgerà nel rispetto delle regole sanitarie, potrà contare sul sostegno di Ecozema. In quanto partner, Ecozema fornirà infatti le stoviglie biodegradabili e compostabili certificate per i momenti di ristoro al fine di ridurre l’impatto ambientale dell’evento.

Terminato il loro utilizzo, piatti, posate e bicchieri potranno essere conferiti nella frazione organica insieme ai residui di cibo, garantendo lo svolgimento di un festival all’insegna dell’arte, della cinematografia e della sostenibilità.

Per maggiori informazioni, clicca qui: http://www.festivalaltovicentino.it/ 

condividi
14/07/2021

Presentato il 7° rapporto annuale di Assobioplastiche: il settore è costantemente in crescita

Venerdì 11 giugno è stato presentato il 7° rapporto annuale di Assobioplastiche, inseritosi all’interno dell’evento online 2011 – 2021: 10 anni di Assobioplastiche – Sfide e prospettive per la transizione ecologica. L’incontro ha rappresentato anche il passaggio di testimone dal presidente Marco Versari che lascia l’incarico dopo 10 anni di impegno nell’Associazione, nata nel 2011 grazie all’iniziativa di Ecozema (allora Fabbrica Pinze Schio) e di altre sette lungimiranti aziende.

Nel 2020 in Italia, secondo gli studi effettuati da Plastic Consult, l’industria delle plastiche biodegradabili e compostabili è rappresentata da 278 aziende – suddivise in produttori di chimica e intermedi di base (4), produttori e distributori di granuli (21), operatori di prima trasformazione (193), operatori di seconda trasformazione (60), con 2.775 addetti dedicati, oltre 110.000 tonnellate di manufatti compostabili prodotti e un fatturato complessivo di 815 milioni di euro.

Con il passaggio dai 143 operatori del 2012 ai 278 del 2020, la crescita del numero di imprese presenti nel settore è risultata costante. I tassi di crescita sono evidenti anche per tutti gli altri principali indicatori della filiera, compreso il fatturato settoriale.

Nel corso degli ultimi anni, il fatturato sviluppato dalla filiera è passato da poco meno di 370 milioni di euro del 2012 ai sopraccitati 815 milioni di euro nel 2020, con un tasso di crescita media annua superiore al 10%. 

I volumi complessivi dei manufatti prodotti dall’industria hanno continuato a crescere nel 2020, con un aumento del 9,6% rispetto all’anno precedente.

La maggior parte dei principali settori applicativi ha dunque messo a segno numeri positivi, con un nuovo raddoppio dei volumi di articoli monouso compostabili che hanno fatto segnare un +116%.

Secondo il presidente Marco Versari, “il rapporto del decennale di Assobioplastiche fotografa un sistema in salute, forte nelle aziende, che cresce negli addetti e nel fatturato. Nel corso di questi dieci anni abbiamo assistito all’evoluzione delle normative nazionali in materia di prevenzione della produzione di rifiuti che ha fatto da traino a quelle europee. Parallelamente si è affermata la raccolta differenziata della frazione organica per un compost di qualità che rappresenta il motore dello sviluppo della nostra filiera nel quadro generale di una green economy che continua a spingere su nuovi prodotti e nuove applicazioni collegate con la chiusura del ciclo del carbonio e la fertilità del suolo. L’Italia è un esempio, per l’Europa e per il mondo, di come si può coniugare crescita con sostenibilità, territorio con sviluppo”.

condividi
14/06/2021

Lo Spirito di Stella torna a navigare con il progetto WoW e la partnership di Ecozema

Torna, anche quest’anno, l’attesissima edizione 2021 di WoW – Wheels on Waves: il progetto ideato e promosso dall’Associazione “Lo Spirito di Stella” ONLUS che, dal 2017, permette a persone di culture e abilità diverse di vivere l’esperienza unica e indimenticabile dell’uscita in mare in barca a vela. La missione del progetto è dimostrare che le barriere architettoniche si possono abbattere, lanciando l’appello di rispettare i valori sanciti dalla Convenzione ONU per i Diritti delle Persone con Disabilità.

L’imbarcazione sarà, come sempre, il mitico catamarano Lo Spirito di Stella che, dopo la sosta invernale, è nuovamente pronto a mollare gli ormeggi da Venezia per poi attraccare in otto diversi porti, toccati per 34 giornate di uscite riservate ad associazioni e famiglie: Rimini, La Spezia, Genova, Cagliari, Gaeta, Palermo, fino all’appuntamento finale di Brindisi dal 15 al 17 ottobre.

L’obiettivo di Wow 2021, che verrà ulteriormente illustrato nella Conferenza Stampa di martedì 1° giugno alle ore 11:00, è dimostrare, concretamente, come la disabilità non debba essere correlata all’idea di reclusione, ma che invece possa essere un’opportunità di vita. Ogni giornata sarà un concentrato di esperienze, emozioni e testimonianze e diventerà un simbolo di inclusione e di aggregazione.

Anche per questa edizione non poteva mancare il supporto di Ecozema che, in qualità di partner del progetto, fornirà le stoviglie biodegradabili e compostabili certificate per i momenti di ristoro.

Non ci resta che augurare buon viaggio ad Andrea e a tutto l’equipaggio!

condividi
01/06/2021

Le peculiarità del compost e del processo di compostaggio

Si è da poco conclusa l’International Compost Awareness Week, la settimana dedicata alla consapevolezza e alla promozione del compost quale risorsa imprescindibile per la tutela del suolo e per il contrasto al processo di desertificazione che sta interessando, sempre più diffusamente, il nostro pianeta.

Il compost, o ammendante compostato, è un fertilizzante organico ottenuto dal trattamento dei rifiuti organici raccolti separatamente. Tale trattamento è frutto del compostaggio che, avvenendo in condizioni aerobiche controllate, decompone tramite microrganismi la sostanza organica e permette di ottenere un prodotto biologicamente stabile in cui la componente organica presenta un elevato grado di evoluzione.

Ma che cosa caratterizza il compostaggio e il compost, rendendoli così importanti per la salute del pianeta?

Ecco 6 punti che ne evidenziano le peculiarità:

1. il compostaggio contribuisce allo sviluppo dell’economia circolare, poiché consente di recuperare i rifiuti organici e i prodotti compostabili – come le soluzioni Ecozema per il foodservice – che, terminato il loro impiego, vengono smaltiti e trasformati in compost: dalla terra alla terra;

2. la produzione di compost, da utilizzare nella coltivazione del terreno, stimola la crescita dei microbi e assorbe il carbonio presente nel suolo, riducendo le emissioni di CO2;

3. aumentando la sostanza organica nel suolo, il compost incrementa la fertilità del terreno rendendolo più produttivo e facile da coltivare;

4. grazie a un elevato contenuto organico, il compost può assorbire fino a quattro volte il suo peso in acqua e può così sostituire, nelle zone umide, il materiale organico essenziale;

5. una corretta raccolta della frazione organica consente al rifiuto di trasformarsi in risorsa, favorendo la rigenerazione dei territori;

6. l’attività di compostaggio stimola la creazione di nuove opportunità lavorative nel settore dei rifiuti, in particolar modo nelle aree rurali dove il compost è un elemento notevolmente utile per l’agricoltura e per la salvaguardia del suolo.

Proprio nella salvaguardia del suolo è impegnata Re Soil Foundation, fondazione promossa dall’Università di Bologna, da Coldiretti, da Novamont e dal Politecnico di Torino, con l’obiettivo di dare impulso a un reale cambiamento a partire dalla tutela del terreno e dal concetto chiave di rigenerazione territoriale.

Il suolo – come sottolinea la Fondazione – è sotto i nostri piedi, ma non pensiamo mai al suo valore. Lo calpestiamo, lo maltrattiamo, ma un suolo sano e fertile è vita. È ora di prendercene cura e ognuno di noi può e deve fare la differenza”.

condividi
12/05/2021

JE Italy May Meeting 2021: uomo, tecnologia e sostenibilità con la partnership di Ecozema

Si svolgerà online l’edizione 2021 del JE Italy May Meeting, il meeting nazionale delle Junior Enterprises: organizzazioni no profit, composte e gestite esclusivamente da studenti universitari e strutturate come vere e proprie aziende, con l’obiettivo di favorire l’apprendimento dei propri membri tramite l’esperienza pratica, la realizzazione di progetti e l’organizzazione di eventi.

La prima Junior Enterprise venne fondata il 5 maggio 1993 a Vicenza (sede inizialmente indicata per lo svolgimento in presenza del meeting) da un gruppo di Ingegneri Gestionali dell’Università degli Studi di Padova, con l’obiettivo di espandere l’associazione e valorizzare i talenti degli aderenti, fornendo servizi di consulenza a startup, PMI e multinazionali.

L’evento telematico, in programma da venerdì 14 a domenica 16 maggio 2021, organizzato in collaborazione con JE Italy, porrà il focus sul Digital Humanism inteso come antropocentrismo tecnologico. Una delle più importanti sfide per ripartire dopo la pandemia sarà infatti quella di instaurare una collaborazione tra l’uomo e la tecnologia.

Momenti di dialogo e workshop caratterizzeranno l’iniziativa che potrà contare sulla partnership di Ecozema. Abbiamo infatti fornito i prodotti biodegradabili e compostabili per il food service al fine di ridurre l’impatto ambientale delle future edizioni in presenza di questa importante manifestazione.

Per maggiori informazioni, clicca qui.

condividi
07/05/2021
precedenti