LCA & LCT

Nel corso degli ultimi anni, il concetto di Life Cycle Thinking (LCT) è divenuto un vero e proprio “must” nella valutazione dell’impatto ambientale di un bene o servizio. Il LCT è importante e fondamentale come approccio culturale, perché richiede di considerare l’intera filiera di prodotto e su questa individuare i miglioramenti e l’innovazione che si può apportare.

Valutare in un unico quadro l’approvvigionamento delle materie prime, la produzione, l’uso ed il fine vita ha enormi potenzialità, anche per le plastiche, in quanto consente di mettere a punto prodotti che si integrano strettamente sia col sistema produttivo del territorio sia con gli usi e le abitudini di consumo, offrendo ampi ambiti per un reale miglioramento.

L’approvvigionamento di materie prime prossimo al sito produttivo o un fine vita che massimizzi la raccolta ed il recupero del rifiuto sono semplici, ma concreti e quantificabili elementi di miglioramento continuo nell’ambito della sostenibilità.

Il Life Cycle Assessment (LCA) o Valutazione del Ciclo di Vita rappresenta il principale strumento operativo del “Life Cycle Thinking”. Si tratta di un metodo oggettivo di valutazione e quantificazione dei carichi energetici ed ambientali e degli impatti potenziali associati ad un prodotto/processo/attività lungo l’intero ciclo di vita, dall’acquisizione delle materie prime al fine vita (“dalla Culla alla Tomba”). Tale tecnica comporta la valutazione di tutte le fasi di un processo produttivo come correlate e dipendenti, permettendo di valutare gli impatti ambientali cumulativi. A livello internazionale la metodologia LCA è regolamentata dalle norme ISO14040 e ISO14044.